Video

Loading...

lunedì 23 gennaio 2012

Monti ha già detto

Lunedì 23 gennaio

Il Presidente del Consiglio Monti è particolarmente presente sui giornali ed in televisione. Quello che più ripete (.. più viene enfatizzato dai media) è:

1) quello che facciamo ha un disegno meditato e che non può essere modificato, in altre parole : "non toccate il manovratore che sa dove andare";

2) l'art 18 non può essere un "tabù", non vi possono essere tabù nel confronto tra le parti.... Rimane da chiedersi, con onestà intellettuale, perchè l'operato della sua azione di governo non si può discutere, proprio come i tabù che lui "detesta".

Ho la netta sensazione che "il governo tecnico" abbia una sua specifica IDEOLOGIA che informa tutte le sue scelte: lo chiamano liberismo?
Ma nel liberismo c'è un tabù ancora più grande dello sventurato art 18 ed è il "mercato" che sembra, in questa concezione liberista, un essere senziente e vivo e non , come è, una conseguenza di scelte precise di persone precise con una idea precisa nella testa.
Non è che noi dipendiamo dai mercati, ma sono i mercati che dovrebbero dipendere da noi e dalle nostre scelte.
Oggi inizia il confronto







1 commento:

  1. Personalmente credo che l'art.18 sia un falso problema. Ormai è valido solo come strumento di propaganda politica, sia per chi lo considera inviolabile sia per chi ne ha fatto una crociata esistenziale. La dirigenza politica ha bisogno di "smarcarsi" per mantenere la propria visibilità ma ormai ha raggiunto il punto massimo di discredito. L'Italia ha bisogno di un profondo cambiamento, innanzitutto nell'approccio culturale alle questioni. Per questo Monti continua ad avere alti livelli di popolarità (67%), perchè trasmette finalmente un senso di competenza ed autorevolezza. Questo non significa che le azzeccherà tutte e che non si possa essere in disaccordo su alcuni temi, ma per la gente "normale" delle decisioni sensate e di prospettiva valgono molto di più di vuote discussioni che hanno stancato tutti e separato la politica dal mondo reale. E poi, se non lui chi è disposto a prendersi il mal di pancia avendone capacità e competenze?

    RispondiElimina